\\ Home : Articolo : Stampa
Le Chimere di Eva Lauterlein congelano la tradizione della ricerca dell'anima mediante il ritratto fotografico
di davide del 15/01/2008  20:50:40, in Fotografia / Arte,  3754 link
Attorno al titolo "chimere" si raccoglie una comunità di giovani uomini e di giovani donne prigionieri del loro sguardo gelido, gli occhi diretti fuori camera, come al limite di una fuga. Forse si potrebbe definire uno "sguardo deviato".

Ecco che ci appar chiaro in un batter d'occhio come l'autrice stia demolendo la tradizione del ritratto fotografico, per farci dire, "se l'argomento non lo osserva, quale è allora l'argomento?" . L'attesa delusa, il cambiamento di registro, muove l'interesse naturale verso la curiosità dell'inatteso. Ma si sa, la storia è superata, questa vecchia storia della ricerca del cuore attraverso la posa, e della specie di trascendenza di cui la fotografia sarebbe accreditata ancor oggi.

[dalla presentazione di chimères di Eva Lauterlein scritta da David Gagnebin-de Bons]